Corporate|News

|Apr 20, 2021

Engie Eps venduta a Tcc: da Parigi a Taiwan, l’ascesa della startup italiana

Corriere della Sera – 20 Aprile 2021 – L’Economia

Il gruppo energetico francese Engie ha annunciato la cessione alla società taiwanese Tcc del 60,5% di Engie Eps, controllata specializzata nello stoccaggio dell’energia quotata alla Borsa di Parigi nell’indice delle small and mid cap. La vendita, siglata a 17,1 euro per azione, sarà seguita dal deposito di una offerta pubblica di acquisto obbligatoria per l’integralità delle azioni di Engie Eps in circolazione, come prevede la normativa. Il titolo all’Euronext di Parigi ha chiuso il 19 aprile in rialzo di circa il 10 per cento verso 21 euro ad azione, oggi che è il giorno dell’annuncio dell’accordo è sospeso e sarà riammesso agli scambi il 21 aprile. Tcc, ricorda una nota, è uno dei principali player industriali in Asia (capitalizza oltre 10 miliardi di dollari), attiva nei settori della produzione di batterie, cemento, energia, servizi ambientali, chimica, logistica e infrastrutture. Eps sta per «Electro Power Systems», una startup italiana nata da uno spinoff del Politecnico di Milano e di Torino, ristrutturata da Carlalberto Guglielminotti nel 2013, poi sbarcata a Parigi nel 2015 e acquisita da Engie.

La nuova società New HOrizons Ahead

Al completamento dell’operazione, attesa per questa estate, Engie Eps diventerà Nhoa, New HOrizons Ahead. «Questa acquisizione da parte di un gruppo industriale di indiscussa leadership e visione strategica come Tcc – ha dichiarato Carlalberto Guglielminotti, amministratore delegato di Engie Eps – rappresenta il riconoscimento della nostra eccellenza tecnologica e un’opportunità di consolidamento della nostra crescita a livello globale. Ci permetterà l’accesso immediato alla catena di approvvigionamento e al mercato asiatico, nonché garantirà la solidità finanziaria per un posizionamento da leader globale nei sistemi di accumulo e nella mobilità elettrica».

READ MORE